La storia

1989

La richiesta dell’Armatore era di una navetta che offrisse grandi spazi esterni ed interni, con allestimenti classici e rigorosi; in questa sezione potrete osservare come la trasformazione del rimorchiatore d’altura Decio Primo abbia risposto puntualmente alle esigenze iniziali.

La ricerca condotta
per l’individuazione della nave portò al Decio Primo, un rimorchiatore d’altura di 30 metri varato dai prestigiosi cantieri Benetti di Viareggio nel 1953 con scafo in lamiere da 9 mm saldate e chiodate, con ordinate ogni 50cm, ruota e dritto di prua rinforzati. Lo scafo è quello di un rimorchiatore di salvataggio d'alto mare. Dopo innumerevoli viaggi tra Londra, Amburgo, Marsiglia, le Havre, Genova e Venezia il Dp Monitor venne individuato e trasferito dal porto di Civitavecchia dove si trovava ai cantieri dove saranno successivamente effettuati i lavori di trasformazione, Il D.P. Monitor e’ stato, nel 1991 il primo rimorchiatore in Italia a essere trasformato in yacht di lusso.

Il progetto, iniziato nel 1989
, si è svolto secondo gli standard di qualità più elevati rivisitando profondamente,nella prima fase, la nave in ogni sua componente, riportandola dapprima alla sua completa efficienza per poi evolverla nello splendido yacht che ancora oggi viene ammirato in tutto il Mediterraneo.

Nella seconda fase, si procedette alla trasformazione degli interni organizzati in una cabina amatoriale, una VIP e 3 cabine doppie, ognuna con il proprio bagno, 2 ponti e un quartiere equipaggio separato. con l’alloggio del Comandante situato come da tradizione.alle spalle della plancia.

Il Decio Primo è interamente completato ed il D.P. Monitor ha visto ormai la luce.
Il progetto termina con un collaudo finale della nave, che prevede un test di oltre 1.000 miglia di cammino, ed il successivo passaggio delle consegne della nave al nuovo equipaggio.

A testimonianza della bontà dell’opera eseguita ricordiamo che da quell’estate del 1991 trascorreranno 10 anni prima che uno dei successivi Armatori senta la necessità di intervenire sulla nave per degli ammodernamenti.

Navi come il D.P. Monitor richiedono una manutenzione ordinaria inferiore a quella necessaria ad imbarcazioni che nascono per il diporto. La loro natura e lo scopo per cui furono originariamente costruite le rendono assolutamente longeve e addirittura “ eterne” se confrontate con la vita media di motoryacht di pari dimensioni. Riteniamo perciò che se l’Armatore la ami come è avvenuto finora il D.P.Monitor che ha già festeggiato 57 anni di vita dei quali 20 come yacht, continui a navigare per altri lustri facendo bella mostra di sé.

Qui sotto potete ammirare il risultato ottenuto , a lavori terminati, nel 1991,

 

Download
La storia della prima trasformazione raccontata nei dettagli!!
Yacht Digest 1992 - La storia della tras
Documento Adobe Acrobat 550.3 KB

2010

Il 2 Luglio 2010 viene acquistata dai suoi nuovi armatori. Durante l'inverno viene tirata a secco per eseguire importanti lavori di ristrutturazione di quasi tutte le parti meccaniche (es. 2 gruppi elettrogeni nuovi, impianto antincendio, sfilamento dell'asse, smaltimento attrezzature obsolete, installazione nuovo pacco batterie servizi etc.etc.etc.) e altrettante lavorazioni estetiche come la pitturazione completa di tutto lo scafo, la tuga, la sala macchine etc.etc.

 


2011

Il 15 Giugno 2011, completati i lavori di ristrutturazione durati ben 8 mesi, il D.P. Monitor viene varato (foto e video nella galleria ). Viene inoltre rinnovato il certificato di Classe RiNa ottendendo il massimo punteggio C + HULL ° MACH Y e navigazione UNRESTRICTED (illimitata). Il certificato è presente nell'area download (sezione "altri documenti").

Ora il D.P. Monitor è tornato bandiera italiana ed è pronto a navigare, in perfetta efficienza, per tutto il Mediterraneo facendo bella mostra di se!